Hop là, su e giù con l’altalena della vita

(per e con Paola e Alice)

Ascolta mio bambino

Ascolta me che parlo

E intanto imparo a farlo

E mentre parlo Ascolto

Finché non avrò colto l’Essenza della Vita

Che insieme a te m’invita

Preparerò il mio cuore

A sentir le tue Parole

E lascerò la mente

Libera di tacere

Sentirò la Musica che si cela negli spazi

E m’aprirò alla Gioia di cui non siam mai sazi

Comprenderò i silenzi, le pause, ciò che non dici

Saprò che i nostri tempi s’incontrano felici.

Ascolta parlo dal cuore

Prova a sentire questo come se fosse Amore

Quel luogo quieto e scuro

Che pure è chiaro e scuro

Come a contenere le albe e poi le sere,

Ti parlerò di come il desiderio

Sia quel che di più serio

Gioioso e visionario

Contempli lo scenario

Di questo Uomo d’ora

Che più non s’addolora

La Vita e la non-Vita

Son ciò che porti e lasci

In nome del bisogno

Di rimaner nel sogno

Di Luce e di Bellezza

Che ora ci accarezza

Ascolta ancora e senti

La musica che suono

Parole antiche e nuove

Che parlano dell’Uomo

Aspetta non temere,

sii quieto e coraggioso

E scopri il viaggio antico che è meraviglioso

Non c’è distacco alcuno

Ne’ era ieri o poi

Siam tutti senza Tempo

E tu sei qui con noi

Se l’Oro attira l’Oro

Se il nulla attira il nulla

Sei qui senza corona

Sei Re senza poltrona

Se ascolto dal tuo cuore

Son dentro il tuo candore

Non chiedo nulla in pegno

Solo di sentirti degno

Di questa Fiaba antica

Perché è ora il tempo

di lasciare la fatica

E scordarsi del dolore

Perché null’altro esiste

Nel nostro Unico Cuore

Lascia che i colori

Sian dentro e pure fuori

E che le sfumature

Sian piccole suture

Fra il tu che eri

E l’io che va a svelarsi

Quel centro pura essenza

Che della vita vera

non può restare senza

Respiri come bevanda

di un io che più non sbanda

Risate come pane

Di pance grandi e sane

Stupore e meraviglia

Di chi poi si assomiglia

Si cerca e si ritrova

In questa Vita Nuova

Se un segnale appare

come fioca Luce remota

Fai crescer nel respiro

colui che ora nota

Ama gli squarci e le fessure

Che s’aprono insistenti

Nelle tue paure

Sii dentro il tuo cammino

Con me sempre vicino

Che assiste, guida e scruta

La tua bellezza muta

Lascia che il mondo nuovo

Ci accolga qui di nuovo

Pensa che il desiderio

Sia ora come farlo

Stai dentro la fiducia

Che con pazienza cucia

Quella che come danza

Sia la nostra nuova Speranza.

VAI ALLA SCHEDA AUTORE

VAI ALL’ILLUSTRAZIONE DELLA FAVOLA

Non sono stati trovati articoli correlati.